L’AgiD (ex-DigitPA) ha pubblicato sul proprio sito un documento informativo con cui dà indicazioni e chiarisce alcuni dubbi in tema di apposizione di più firme digitali e di inserimento di campi di testo a documenti già firmati digitalmente (come ad esempio la segnatura di protocollo, prevista dall’articolo 55 del D.P.R. 445/2000, e la successiva sottoscrizione delle clausole vessatorie su documenti informatici già firmati).
 
In particolare il tema che viene esaminato riguarda le particolarità dei diversi formati di firma, e cioè CAdES (file con estensione .p7m) e PAdES (file con estensione pdf).
Nel caso della sottoscrizione con formato CAdES (file con estensione .p7m), l’apposizione di due o più firme può essere effettuata in due modi:
• re-imbustando in una nuova busta CAdES la busta generata dalla sottoscrizione precedente (c.d. controfirma);
• oppure aggiungendo nella busta ulteriori firme, accompagnate dai relativi certificati (c.d. firme congiunte).
 
Le firme multiple in CAdES, però, non permettono di inserire nuove annotazioni sul documento (es. segnatura di protocollo), visto che questa tipologia di firma non prevede la gestione di diverse versioni di uno stesso documento; pertanto eventuali annotazioni successive alla firma dovranno essere apposte su una copia del documento originariamente firmato, che quindi, non risulterà sottoscritto dal firmatario originario (in caso contrario, il documento originario risulterebbe “contraffatto”, e la verifica della firma darebbe esito negativo).
 
Invece le modifiche sopra elencate sono possibili per i documenti sottoscritti con una firma digitale in formato PAdES (il cui file risulta avere un’estensione .pdf), leggibile con i comuni reader disponibili per questo formato. Infatti, il formato PDF permette di gestire diverse versioni dello stesso documento senza invalidare le firme digitali precedentemente apposte, utilizzando le funzioni di “versioning”: quindi ciascuna versione, successiva alla prima, contiene la versione integrale, non modificata, del documento precedente (comprese le firme digitali).
Anche se un documento sottoscritto sul quale sono riportate le annotazioni delle diverse versioni del documento potrebbe apparire corrotto – in quanto modificato dopo la firma – nella busta PAdES è presente ed è accessibile anche la versione non modificata del documento, che pertanto conserva piena efficacia giuridica, nel rispetto di quanto prescritto dal DPCM del 22 febbraio 2013, che contiene le “Regole tecniche in materia di generazione, apposizione e verifica delle firme elettroniche avanzate, qualificate e digitali”.
In questo modo, le ulteriori apposizione di firme digitali o di parti di testo su un documento .pdf già firmato in formato PAdES non invalidano la firma digitale e il documento originario, dato che la firma è comunque verificabile con esito positivo.
Da quanto emerge dal documento pubblicato da AgID, l’utilizzo di firme PAdES è consigliato ogni qual volta si debbano effettuare firme multiple o inserire ulteriori annotazioni al documento originale.
Occorre anche tenere presente che – in linea generale – tutti i documenti .pdf che contengono una o più firme digitali sono più facilmente leggibili con i software a disposizione, a differenza del formato CAdES (.p7m) che invece richiede la decodifica della firma con software specifici.
  • NEWS

    • Servizio di Emissione firma digitale : 0823.1608077
      18-04-2019

      Il numero 0823.253085 non corrisponde più alla nostra nostra azienda di Firma Digitale. E' necessario comporre il numero 0823.1608077 per avere tutte le informazioni sulle nostre firme digitali e prodotti simili. Ancor meglio sarebbe scrivere a claniusconsulting@gmail.com oppure inviare un...

    • Firmare digitalmente in formato XaDes-BES (XML) - Differenza tra software ArubaSign e Dike
      19-07-2018

      La firma in formato .xml (XADES-BES), è in genere utilizzata in ambito sanitario o per la firma di fatture e documenti finanziari. Il documento sottoscritto digitalmente ha piena validità legale.Con il software ArubaSign e ArubaKey in dotazione con le ns. firme digitali è possibile...

    • Italian Digital Signature to non-italian citizens for Italian tender
      26-06-2017

      Often, some companies that work with Italian public administrations need digital signatures to participate in Italian invitations to tender. If you are a non-italian citizens then you can still obtain an Italian Digital Signature following 12 steps: Fill in the Atto Notorio and go to an...

    • Importanti avvertenze e attività risolutive durante l'uso della CNS
      23-03-2017

      La Carta Nazionale dei Servizi o CNS è un dispositivo che contiene un “certificato digitale” di autenticazione personale. È uno strumento informatico che consente l’identificazione certa dell’utente in rete e permette di consultare i dati personali resi disponibili dalle pubbliche...

    • Vademecum processo amministrativo telematico
      09-03-2017

      Dal 1° gennaio 2017, dopo una lunga attesa costellata da semestrali rinvii, il processo amministrativo telematico è, finalmente, realtà. Nel tentativo di consentire ai Colleghi di prendere maggiore confidenza con il processo amministrativo telematico, a seguire un beve riepilogo delle...

    • Bonus 500 euro per gli insegnanti: come richiedere la Carta del Docente con SPID senza muoversi da casa
      22-11-2016

      La Legge 107/2015 “La Buona Scuola” ha stanziato a decorrere dal 2015, come specificato ai commi 121, 122 e 123, 381 milioni di euro per sostenere la formazione continua dei docenti e valorizzarne le competenze professionali.Ogni docente di ruolo riceverà una carta dell'importo nominale...

    < 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >

 

Firma Digitale Aruba webcam

Seguici su Facebook