Attivazione di PEC in tempi rapidissimi.

compila il nostro MODULO di ATTIVAZIONE

Dopodiché effettua il pagamento qui:

 

 

La Posta Elettronica Certificata (PEC) è molto più che un obbligo! E' il sistema che consente di inviare e-mail con valore legale, equiparate ad una raccomandata con ricevuta di ritorno.

Grazie ai protocolli di sicurezza utilizzati, è in grado di garantire la certezza del contenuto non rendendo possibili modifiche al messaggio originale.

L'attivazione di una casella PEC è obbligatoria per le imprese individuali e per le imprese in forma societaria (società di capitali e di persone, le società semplici, le società cooperative, le società in liquidazione e le società estere che hanno in Italia una o più sedi secondarie) iscritte al Registro delle imprese o all'Albo delle imprese artigiane, nonché per i professionisti iscritti in Albi ed Elenchi previsti dalla legge. Come stabilito dal D.L. n.179 del 18/10/2012 (art.5) tutte le imprese individuali già iscritte al Registro delle Imprese o all'Albo delle imprese artigiane, e non soggette a procedura concorsuale, devono comunicare la casella PEC all'ufficio del Registro delle Imprese competente entro il 30 Giugno 2013.

Le imprese che si iscrivono al Registro delle Imprese o all'Albo delle imprese artigiane devono indicare l'indirizzo PEC nella domanda di iscrizione (rif. normativi per le imprese individuali D.L. 179/2012 art.5, convertito nella L.221/2012; per le imprese in forma societaria D.L. 185/2008 art.16, comma 6, convertito nella L.2/2009, Circolare n.3645/C del 3/11/2011 del Ministero dello Sviluppo Economico.).

Un messaggio spedito da una casella PEC ha validità legale nel territorio italiano.

Per avere validità legale, una mail deve essere inviata da casella PEC verso altra PEC.

È fondamentale mantenere nella propria casella PEC la ricevuta di ritorno perchè rappresenta la prova, opponibile a terzi, che la nostra comunicazione è stata inviata al destinatario in un preciso momento con un dato contenuto. Non è infatti sufficiente aver utilizzato il canale PEC per le nostre comunicazioni poichè, in caso di controversia, è necessario avere gli strumenti per dimostrare il contenuto esatto della comunicazione e il momento puntuale della consegna.

Il provider (fornitore) della casella PEC è tenuto a mantenere traccia della sola trasmissione (log) per soli 30 mesi, trascorsi i quali non garantisce più la reperibilità delle informazioni. In ogni caso, i log del gestore riportano dati quali il mittente, il destinatario, il codice seriale univoco della email e l’oggetto, mentre non ne riportano il contenuto. Se la controversia dovesse vertere sul contenuto della comunicazione, i log del gestore non possono essere di aiuto e l’unico modo per avere una prova opponibile a terzi è quello di conservare e dimostrare la ricevuta di ritorno (che comprende il contenuto).

Con il tempo lo spazio occupato dalla casella PEC è destinato a terminare. Ad un certo punto può essere necessario provvedere a fare un po’ di “pulizia” in quanto, se lo spazio in casella dovesse esaurirsi, non potremmo più ricevere email da altre PEC o le ricevute di ritorno alle email che inviamo. Dunque, per questo problema ci sono due soluzioni:

  • ogni tanto sarà necessario liberare lo spazio nella casella PEC effettuando il download delle email più vecchie o più grandi e conservandole opportunamente
  • oppure, si può acquistare una casella PEC Pro che aumenta notevolmente lo spazio a disposizione fino a 6GB. Tale quantità di spazio è sufficiente per molte realtà. Per esempio per un professionista (ingegnere, geometra, ecc.) può essere sufficiente per decine di anni!

Per chi NON è Ente Pubblico, è sufficiente conservare le email PEC con qualsiasi sistema. Infatti, le mail PEC sono file il cui contenuto (corpo del messaggio e allegati) non è modificabile grazie alla firma che il provider di PEC appone sulla email e che ne garantisce costantemente l’autenticità nel tempo. Dunque la PEC salvaguarda l’informazione originale che può essere impugnata in caso di controversie.

Se invece si vuole un sistema a Norma, specie nel caso di Ente Pubblico, occorre installare un sistema di “Conservazione Sostitutiva” e implementare un processo Certificato.

Al riguardo, abbiamo studiato soluzioni che forniscono il servizio di conservazione sostitutiva per i messaggi di Posta Elettronica Certificata ma anche per ogni altro documento digitale o cartaceo.

Per gli insegnanti/docenti è disponibile la nostra specifica offerta qui: PEC per Insegnanti.

Per comunicare la tua casella al Registro delle Imprese direttamente dal tuo PC puoi utilizzare un dispositivo di Firma Digitale.

La casella associata a questa iniziativa promozionale ha le seguenti caratteristiche:

  • Casella PEC con traffico mail illimitato
  • Inoltro sulla propria e-mail standard della notifica di ricevimento di una PEC (grande comodità!)
  • 1GB di spazio sulla casella, o più GB se scegli le altre nostre tipologie di PEC
  • Possibilità di espandere lo spazio con Archivio di Sicurezza opzionale
  • Dimensione massima del messaggio 50MB (il massimo possibile come richiede la normativa)
  • Accesso via web
  • Accesso client di posta (MS Outlook, Thunderbird, Eudora Pro, etc)
  • Antivirus e Antispam
  • Validità legale dei messaggi inviati e ricevuti
  • Garanzia dell'identità del mittente
  • Ricevuta di consegna e lettura
  • Assistenza telefonica e tramite ticket gratuita

Se hai bisogno della PEC, compila il nostro MODULO di ATTIVAZIONE, selezionando la tua scelta di PEC.


Invialo via fax (06.233224221) o e-mail [ ] , allegando un documento di riconoscimento e i Vs. dati fatturazione.